A 120 anni dalla costruzione della Fabbrica di Luban, oggi vogliamo celebrare un importante architetto, scenografo e pittore tedesco: Hans Poelzig.
Nato nel 1869, Poelzig è noto per il suo eclettismo stilistico e la sua capacità di adattarsi a una vasta gamma di progetti, che spaziavano dall’espressionismo al razionalismo.

La Fabbrica chimica di Luban, situata nella città polacca omonima, rappresenta un esempio emblematico di architettura industriale del periodo tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo. Progettata e costruita nel 1904 da Poelzig, questo complesso industriale è un’opera mastodontica che riflette lo spirito dell’epoca e le esigenze della produzione industriale emergente.

Dal punto di vista architettonico, la fabbrica di Luban si distingue per la sua combinazione di forme geometriche e funzionalità pratica. Poelzig ha adottato uno stile eclettico, che incorpora elementi del movimento modernista insieme a influenze neoclassiche e industriali. Le facciate dell’edificio sono caratterizzate da una struttura simmetrica e da dettagli ornamentali minimalisti, enfatizzando l’efficienza e la solidità dell’edificio.

L’architetto ha anche prestato particolare attenzione alla disposizione degli spazi interni, progettando layout efficienti per la produzione e la circolazione del personale e delle materie prime. L’uso sapiente della luce naturale e delle proporzioni spaziali ha contribuito a creare un ambiente di lavoro confortevole e funzionale all’interno della fabbrica.

Nonostante la sua funzione industriale, la Fabbrica chimica di Luban mostra un’impressionante qualità estetica, testimoniando la capacità dell’architetto di fondere forma e funzione in modo armonioso. L’edificio rappresenta non solo un importante sito storico, ma anche un esempio di come l’architettura industriale possa trasformarsi in un simbolo di bellezza e innovazione.

L’opera, oggetto di reinterpretazione da parte di Marco e Sofia Splendore sarà battuta all’asta contribuendo così al progetto “WIP FOR PEOPLE” per la costruzione di una scuola con asilo, mensa ed infermeria in Madagascar.

Redazione
Redazione
Marketing e Comunicazione
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Altri Articoli